Luogo

Teatro Sociale di Como
giovedì 09 aprile ore 20:30

Protagonisti

Michele Tranquillini

Artista illustratore

Paolo Colombo

Professore universitario

Rimandato – L’eroe che sconfisse l’Antartide. Ernest Henry Shackleton

Una storia che ci costringe a chiedere cosa voglia dire essere "eroi" e - soprattutto - quale idea di eroismo vogliamo per il tempo che viviamo.

È il 1914, e proprio mentre sta per esplodere la Prima Guerra Mondiale, Sir Ernest Shackleton si lancia nella incredibile impresa di attraversare a piedi l’Antartide. Una scommessa contro le forze della natura che non prenderà neppure avvio perché la nave che trasporta il gruppo di esploratori (il suo nome, Edurance – “Resistenza” – si rivelerà emblematico) rimane bloccata tra i ghiacci prima ancora di toccare terra. Da quell’episodio comincia una vera e propria Odissea che durerà due lunghissimi anni, nella quale i 28 uomini coinvolti nella spedizione sopravvivranno prima a bordo nella nave, poi sul pack, poi alla deriva su un blocco di ghiaccio, infine navigando sulle scialuppe di salvataggio fino a un’isola deserta e inospitale. Sarà a quel punto che il loro capo si imbarcherà con pochi compagni in una folle traversata verso l’unico approdo di balenieri, distante circa 1200 km, per chiedere soccorso. Alla fine, tutti i membri dell’equipaggio torneranno a casa salvi.

Una storia impressionante e avvincente, fatta di leadership, di determinazione, di fiducia reciproca, d’inflessibile ottimismo, d’organizzazione, di sfruttamento delle risorse di un team e di capacità di sapersi adattare al mutare delle circostanze, rivedendo saggiamente le proprie posizioni. Una storia che ci costringe a chiedere cosa voglia dire essere “eroi” e – soprattutto – quale idea di eroismo vogliamo per il tempo che viviamo.
Una storia che non si può raccontare solo a parole: in diretta, contemporaneamente allo scorrere della narrazione di Paolo Colombo, Michele Tranquillini, illustratore professionista di successo, disegna il “fumetto” di questa incredibile avventura con un effetto di suggestione inimitabile.

Sbagliando s’impara,
è un vecchio proverbio.
Il nuovo potrebbe essere
che sbagliando s’inventa.
(Gianni Rodari)

LE PRIMAVERE GREEN

Pronti alle sfide delle Primavere Green? Di cosa si tratta? Semplice: in ogni serata delle Primavere, prima dell’inizio dello spettacolo, sarà lanciata una sfida al pubblico in sala. Vi sarà chiesto di fare nei giorni seguenti un’azione “green” e di mandare foto o messaggi all’indirizzo [email protected] per documentare la vostra sfida!

All’appuntamento successivo (e sul sito delle Primavere) saranno segnalate le esperienze più virtuose. Sarà anche l’occasione per ricordare a tutti le buone pratiche quotidiane e dare qualche consiglio utile per vivere in maniera sostenibile. Cosa aspettate a partecipare?

Sfida n. 8 – ACQUA MINERALE, ACQUA PUBBLICA

Viviamo in una delle regioni più ricche di acqua al mondo eppure consumiamo tantissima acqua in bottiglia! È arrivato il momento di iniziare a bere quella del rubinetto che, perdipiù, è sottoposta a maggiori controlli e arriva direttamente nelle nostre case.

Sfida: pesa la plastica che raccogli in una settimana. Poi elimina le bottiglie di plastica per 7 giorni e confronta la differenza di peso (puoi farlo a casa, in ufficio, a scuola, da solo o in gruppo). Mandaci il risultato che hai ottenuto, specificando dove e come hai agito.

Il 23 aprile segnaleremo i risultati migliori!
La Provinicia green-verde