Luogo

Teatro Sociale di Como - Sala Bianca
martedì 26 aprile ore 18:30

Protagonisti

Luciana Maci

Giornalista

Come funzionano le città intelligenti?

Più una città è intelligente, più i suoi abitanti ne traggono benefici. Si è dibattuto molto in questi anni sulle smart city o città intelligenti, al punto che la loro stessa definizione si è evoluta nel tempo. In generale oggi si può definire...

È intelligente una città che sta al passo con l’innovazione ed è attrattiva per cittadini e visitatori. Un luogo con elevata connettività e sensori in grado di raccogliere una mole ingente di dati, ma anche strade “smart” e una mobilità sempre più sostenibile. Luciana Maci

Più una città è intelligente, più i suoi abitanti ne traggono benefici. Si è dibattuto molto in questi anni sulle smart city o città intelligenti, al punto che la loro stessa definizione si è evoluta nel tempo. In generale oggi si può definire intelligente una città che sa stare al passo con l’innovazione e la digitalizzazione, ma è anche sostenibile e attrattiva.
Una smart city ha un elevato livello di connettività ed è costellata di sensori in grado di raccogliere una mole ingente di dati, ma offre anche spazi verdi e punta a ridurre i livelli di congestione e inquinamento attraverso una mobilità caratterizzata da auto elettriche e a guida autonoma, condivisione di mezzi (car sharing, bike sharing), micromobilità (monopattini elettrici) e mobilità dolce.
Firenze, Milano, Bologna, Roma, Modena e Bergamo sono ai primi sei posti tra le città italiane digitali nella classifica ICityRank 2021. Ma lungo tutto lo Stivale, da Venezia a Torino, da Cagliari a Pinerolo, ci sono realtà interessanti.
Guardando all’estero, da Londra a Vienna fino a Singapore, sono numerosi gli esempi di centri urbani che hanno deciso di essere “intelligenti”. Non mancano, poi, i progetti futuristici: l’Arabia Saudita sta lavorando a una città completamente hi-tech, nel deserto americano un imprenditore vuole costruire una metropoli eco-sostenibile.
Per concretizzare i sogni servono le tecnologie, dai Big data Analytics al machine learning. Ma anche le competenze: le città intelligenti daranno lavoro a diversi professionisti già formati o che si stanno formando su questi temi.